Notizie

Gli sbarchi non sono un problema italiano ma di tutta l’Unione. Eppure la Francia di Macron e la Germania di Scholz hanno sin qui fatto finta di nulla. È l’ora di un approccio più realistico

 

Quando abbiamo avvertito a gennaio di quest’anno che l’Europa stava camminando ad occhi chiusi verso una nuova crisi migratoria, i socialdemocratici e i liberali ci hanno accusato di alimentare le fiamme del populismo. Hanno respinto il nostro monito e le preoccupazioni dei cittadini. Invece di cercare soluzioni per fermare il flusso irregolare di migranti in Europa, lo hanno ignorato.

Mentre sindaci e consiglieri locali di tutti i partiti stanno lanciando l’allarme perché hanno raggiunto i limiti di ciò che possono fare per aiutare le persone, la sinistra sta rallentando la riforma delle leggi sull’asilo e sull’immigrazione in Europa. Sta sabotando i tentativi di collaborare con i Paesi del Nord Africa, come la Tunisia, per ridurre il numero di arrivi irregolari via mare. La responsabilità politica per questa mancata protezione delle frontiere europee ricade interamente su socialdemocratici e liberali.

 Ora l’Europa si trova di nuovo di fronte ad una crisi migratoria e il fatto che l’avessimo prevista rappresenta una tragedia politica. In una settimana, oltre 10.000 migranti sono arrivati sulle coste di Lampedusa. In poche ore, la sua popolazione è raddoppiata, con tutte le conseguenze che questo comporta per i migranti, le autorità e i residenti. È una situazione che nessuna città o comune considererebbe accettabile in qualsiasi parte d’Europa.

Parlando francamente, ci troviamo in questa situazione perché il Presidente Macron e il Cancelliere Scholz hanno rifiutato di assumersi la responsabilità di questo problema europeo. Lampedusa non è solo un’isola italiana, è un’isola europea e le persone che arrivano lì non vogliono rimanerci. Vogliono andare in Francia, in Germania, in Svezia e nei Paesi Bassi. Com’è possibile che i leader di Francia e Germania possano ignorare un fatto così semplice: le persone non stanno attraversando l’Italia, stanno attraversando l’Europa. Invece di girarsi dall’altra parte e lasciare l’Italia da sola con questo problema, l’Europa deve trovare soluzioni insieme.

Il governo francese fa presto ad inviare rinforzi al confine italiano per trattenere i migranti economici in Italia, ma finora si è rifiutato, così come il governo tedesco, di sostenere l’accordo con la Tunisia che potrebbe ridurre il numero di arrivi irregolari. Non siamo ingenui riguardo alle autorità con le quali stiamo trattando a Tunisi, ma senza costruire buone relazioni con i Paesi del Nord Africa non possiamo impedire alle persone di rischiare la vita attraversando il Mediterraneo. Ci aspettiamo che all’incontro dei ministri degli Interni venga inviato un messaggio inequivocabile di sostegno al Memorandum con la Tunisia.

Per aggravare la situazione, l’unica proposta che i socialdemocratici e i liberali hanno per riprendere il controllo sulla migrazione irregolare sono le missioni di ricerca e soccorso. Non siamo contrari alla ricerca e al soccorso, ma questo non può significare che le persone soccorse vengano automaticamente trasferite in un porto europeo. Abbiamo bisogno di una nuova missione navale europea nel Mediterraneo, ma deve essere in grado di riportare i migranti sulle coste del Nord Africa. È l’unico modo per rompere il modello di business dei trafficanti, che si arricchiscono contrabbandando persone in Europa.

La realtà è anche che la stragrande maggioranza delle persone che attraversano sono migranti economici, non sono rifugiati, e hanno poche o nessuna possibilità di ottenere protezione internazionale in Europa.

Tuttavia, i trafficanti di esseri umani sanno anche che la politica europea di rimpatrio non funziona. Una volta che si attraversa, le procedure e la logistica sono così complicate e costose che è quasi impossibile rimandare indietro qualcuno. Ciononostante, la sinistra in Europa vuole rendere la legislazione ancora più restrittiva di quanto non sia già. Invece di cercare di distribuire i migranti economici in tutta l’Ue, dovrebbero essere rimandati indietro rapidamente e in modo organizzato.

L’Europa ha accolto più rifugiati ucraini negli ultimi anni di quanto abbiamo mai fatto nella nostra storia. Ne siamo orgogliosi. Sosteniamo il diritto all’asilo, che è un principio fondamentale nel nostro rapporto con il resto del mondo. Allo stesso tempo, la scala e la complessità della migrazione sono radicalmente cambiate. Più aspettiamo ad adottare un approccio migratorio realistico e meno idealistico, più si mina la fiducia dei cittadini nel governo, sia esso a livello locale, nazionale o europeo.

Tutto questo non è inevitabile. Sappiamo cosa fare. Ciò di cui abbiamo bisogno è che l’Europa si unisca intorno a una riforma su immigrazione e asilo alla nostra portata. Siamo più vicini che mai a trovare un accordo. Nei prossimi anni, le persone guarderanno a questo momento come la più grande opportunità mancata in un decennio o come il primo passo per ripristinare l’ordine nei flussi migratori che arrivano in Europa.

Per ottenere una svolta, i socialdemocratici e i liberali devono accettare che là fuori c’è un mondo nuovo, che senza un approccio europeo passeremo da una crisi migratoria all’altra, alimentando lentamente l’estrema destra e minando il sostegno della gente all’Unione europea. Il momento di agire è ora.

Manfred Weber , Presidente del Gruppo del Partito Popolare europeo e Presidente del Partito Popolare Europeo
Fulvio Martusciello, Capo Delegazione di Forza Italia al Parlamento europeo

 

Fonte: Il Giornale

 

Condividi su:
30 settembre 2023
sbarchi-immigrati-e1604939078887-758x426

Contro la crisi migratoria l’Europa può fare molto. Ma sinistra e liberali sono un freno alle riforme

Gli sbarchi non sono un problema italiano ma di tutta l’Unione. Eppure la Francia di Macron e la Germania di Scholz hanno sin qui fatto finta […]
21 settembre 2023
BERLUSCONI DAY

Martusciello (FI-Gruppo PPE): al Berlusconi Day 400 giovani dalla Campania

“Saranno 400 i giovani della CAMPANIA che parteciperanno all’evento ‘Futuro di libertà. Una grande storia’, in programma a Paestum in occasione del Berlusconi day che si terrà dal […]
6 settembre 2023
EVENTO PAESTUM 2023

PAESTUM: IL MIRACOLO ITALIANO

5 settembre 2023
europee

Martusciello (FI- Gruppo PPE), ‘chi chiede una soglia più bassa ha paura’

“La richiesta di abbassare la soglia di sbarramento per le elezioni europee viene da chi ha paura di non farcela perché sa di non avere consenso”. […]